Pagina principale Cosa facciamo Calamità naturali Supporto finanziaro per le vittime della frana a Idukki
Supporto finanziaro per le vittime della frana a Idukki

Amritapuri, 24 settembre 2013


Il MAM dona 100.000 rupie ai familiari delle persone decedute nella frana a Idukki.

Il Mata Amritanandamayi Math (MAM) donerà 100.000 rupie a residenti del distretto di Idukki in Kerala, che hanno perso membri della famiglia nelle frane che han colpito la regione agli inizi di agosto.

La frana fatale è stata causata da una delle stagioni monsoniche più pesanti abbattutesi sul Kerala negli ultimi 20 anni, infatti nel distretto si sono verificati 17 smottamenti in 24 ore.


“Amma si è molto addolorata nel momento in cui è venuta a conoscenza della tragedia”, ha riferito Swami Jnanamritananda Puri, monaco del MAM in carica al Distretto di Idukki. “Volle che noi andassimo là per fare sentire loro che gli siamo vicini in questo momento di difficoltà”.

 


Le famiglie riceveranno i soldi il 27 settembre, durante Amritavarsham60.


Lo stesso giorno, il MAM presenterà ufficialmente  il suo programma di riabilitazione e sostegno per l’Uttarakhand, il programma di assistenza e riabilitazione che destinerà mezzo miliardo di rupie all’Uttarakhand, attraverso il quale saranno ricostruite 500 case, che sono state distrutte in 42 villaggi dall’inondazione avvenuta nella regione nel giugno 2013. Adotterà inoltre 101 villaggi in India al fine di renderli autonomi.


“Quando le persone dell’India hanno bisogno di lei, Amma è sempre là,” dice Jnanamritananda, “non importa in quale angolo del paese, Amma ha risposto a disastri in Kerala, Gujarat, Bihar, West Bengal, Tamil Nadu, Maharasthra. Sente il dolore delle persone come suo e agisce di conseguenza”.

 

_____________________________________________________________________

MAM: Mata Amritanandamayi Math è il nome della ONG fondata da Amma a cui l’ONU ha conferito nel 2005 lo status speciale di consulente e da cui si è sviluppata quella rete mondiale di innumerevoli progetti caritatevoli a cui è stato dato il nome di Embracing The World


 
 

Cosa facciamo