La telemedicina Amrita

Amrita Telemedicina

 

Grazie ai nuovi sistemi di comunicazione la Telemedicina Amrita  è in grado di mettere in collegamento cliniche e ospedali localizzati nelle diverse aree remote dell'India, con l'Istituto di Scienze Mediche e Centro di Ricerca Amrita (AIMS) di Cochin.

Viene utilizzata come strumento per accedere a banche dati fuori sede e ha lo scopo di mettere in collegamento cliniche o studi medici con gli ospedali centrali riuscendo a trasmettere radiografie o altre immagini diagnostiche affinché possano essere valutate anche a distanza.  Tali strumenti sono potenziati grazie all'uso delle tecnologie di telecomunicazione, delle reti informatiche, dei sistemi di video conferenza e dei CODEC (dispositivi che codificano e/o decodificano digitalmente un segnale audio o video, ndt).

Il sistema permette ai dottori di questi ospedali/cliniche di richiedere agli specialisti dell’AIMS pareri professionali su trattamenti, farmaci ecc.,  di condividere i loro dati con i colleghi.

I servizi di Telemedicina consistono in:

TelemedicinaTeleconsultazione: Il dottore può avere un teleconsulto su un paziente con  uno specialista, in presenza o meno del paziente stesso.

TelemedicinaTelechirurgia: Il dottore può avere un teleconsulto con un esperto chirurgo nel condurre un'operazione. Sebbene la Telemedicina sia relativamente nuova in India, l'ospedale AIMS ha l'onore di aver effettuato la prima telechirurgia nel Paese, che ha salvato la vita di un pellegrino di Sabarimala.
Programmi CME: Educazione Medica Continua (CME) dei dottori/specialisti che include seminari, workshop, CME settimanali e Grand Rounds (cicli di lezioni, ndt).

TelemedicinaTele Salute: Programmi di salute pubblica sono trasmessi in televisione a beneficio del grande pubblico.

TelemedicinaInsegnamento a Distanza: Corsi/lezioni di medicina possono essere programmati e condotti da remoto per studenti/dottori/specialisti.

Il dott. Prem Nair, Direttore Medico dell'AIMS, dice: " I progetti della telemedicina Amrita hanno l'obiettivo di rafforzare le capacità e la sicurezza dei dottori di primo soccorso a distanza e di ridurre al minimo la necessità di ricorrere a ospedali super-specializzati".

 
 

Cosa facciamo